IONTOFORESI

iontoforesi

C’è chi soffre tutto l’anno di iperidrosi emozionale, una sudorazione patologica, la cui causa non è il caldo ma lo stress, la timidezza, condizioni di conflittualità e insicurezza, e cui, la paura di sudare è spesso l’elemento scatenante. Questo tipo di fenomeno è per lo più ristretto alle palme delle mani e dei piedi.
Normalmente compare dopo la pubertà e la sua durata e gravità varia in relazione allo stato emotivo del paziente, e spesso costituisce un grave ostacolo nei rapporti interpersonali e sul lavoro.
Questa condizione, favorisce processi di macerazione della pelle e a livello palmo-plantare può determinare la comparsa di piccole lacerazioni che sono anche fattori predisponesti per una dermatite da contatto.

Ottimi risultati e buone prospettive terapeutiche vengono dalla IONTOFORESI , una tecnica che per mezzo della corrente elettrica a bassa intensità, permette l’introduzione di ioni di Sali solubili selezionati nei tessuti da trattare.

In principio, le applicazioni di ionoforesi prevedevano l’utilizzo di farmaci in soluzione acquosa, ma attualmente si ritiene che sia la corrente stessa ad agire come strumento terapeutico e si preferisce far emergere le mani o i piedi in vaschette in cui è immessa semplice acqua di rubinetto attraverso cui si farà passare una corrente elettrica compresa tra i 5- 20 mmA per un periodo di circa 30 minuti.

Controindicazioni

portatori di pace-maker; donne in gravidanza; flebotrombosi e tromboflebiti; in presenza di escoriazioni, abrasioni e ferite.